Conoscere il territorio: prima regola per ampliare il business


Le migliori statistiche e ricerche di mercato sono quelle che fai tu


Un professionista serio, un imprenditore affermato che è punto di riferimento per i propri clienti, è una persona affidabile, informata, preparata. Soprattutto una persona concreta che conosce la propria materia e il territorio in cui lavora. Ci sono competenze e conoscenze da cui non si può prescindere:

  • la legislazione di riferimento del proprio business

  • le statistiche e le proiezioni di crescita del settore

  • la reale situazione economica del territorio in cui viviamo

L’occhio del businessman va allenato sui fatti. Ecco perché le migliori statistiche sono poi quelle che realizza il nostro colpo d’occhio e la nostra capacità di analisi.


Percorrete i quartieri, conoscete il quartiere

Un imprenditore e in particolare un amministratore di condominio non può conoscere davvero bene il proprio territorio per

  • scoprire potenzialità

  • capire difficoltà

  • evidenziare problemi

  • evitare guai

È importante raccogliere informazioni, pareri e dati. Ma è molto più importante verificarli. L’aiuto dei collaboratori è prezioso, ma il professionista non può perdere il contatto col territorio: il suo occhio e la sua capacità di valutazione sono necessari per ricapitolare le situazioni o per avviare nuovi progetti.

Stabilite periodicamente una vera immersione nei quartieri e nelle zone in cui lavorate abitualmente e in quelli che state esplorando per ampliare il vostro business.


Conoscere per decidere obiettivi e strategie

Conoscere la realtà di una zona è importante non solo per gestire i condomini di cui già ci si occupa, lo è ancora di più per valutare nuove acquisizioni. Un condominio non è quasi mai un’entità isolata. Non pochi problemi interni al condominio o al complesso residenziale che vorremmo prendere in carico e le soluzioni possibili da proporre hanno a che fare situazioni attigue o vicine.

Può anche capitare di proporsi in sostituzione di colleghi proprio dopo aver conosciuto una zona, le sue problematiche e le sue potenzialità.


Occhio attento, sguardo esperto

Così, l’occhio attento del professionista è in grado di avallare le informazioni, i pareri e i dati forniti da collaboratori, enti e società esterne. E stabilire obiettivi e strategie di lavoro.

L’acquisizione di un condominio può essere un obiettivo immediato o da posticipare preparando le condizioni più adatte.

Ecco la necessità di stabilire strategie di lavoro valutate, coerenti, con tempistiche concrete e realizzabili per step. Il passo più lungo della gamba può essere fatto

  • non avendo collaboratori sufficienti

  • sufficientemente preparati

  • non aver compreso o chiarito situazioni esistenti

  • non essendo in grado fronteggiare pregressi complessi


42 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti