Chi ha paura dei cambia-Menti? Chi non cambia non cresce.




Sfide e opportunità personali e professionali


Si fa presto a dire di non temere i cambiamenti, eppure spesso per educazione, per indole o per gratitudine a chi ci ha lasciato una determinata situazione, siamo restii ai cambiamenti. Osservare buone pratiche e successi altrui deve aiutarci a vedere i cambiamenti come delle opportunità reali oggettivamente valutate e non salti nel buio senza paracadute.


Cambia-Menti. Vecchie resistenze

Ogni cambiamento riserva una parte incognita. Il ‘limite’ che mette paura è però anche lo stesso che apre nuove prospettive e nuove opportunità. Chi non cambia, chi resta immobile, non solo non cresce, ma facilmente verrà superato da altri e nel lungo periodo fallirà i propri obiettivi.


La paura di un cambiamento ha motivazioni oggettive. Vediamo le principali:


  • Stravolgimento delle abitudini

  • Paura del fallimento

  • Maggiore impegno richiesto

  • Dubbi sull’investimento e ritorno economico

  • Mancanza di supporti e collaborazioni


E in più, verrebbe da osservare, il momento storico non sembra favorire i cambiamenti. Pessima osservazione, soprattutto quest’ultima, se guardiamo la storia del mondo e certamente anche le storie familiari personali e di amici e conoscenti.


Menti-cambianti. Prospettive nuove

Proviamo a guardare gli ‘ostacoli’ appuntati sopra con una prospettiva diversa.

Non si tratta di essere degli sciocchi o intraprendere azioni avventate!

Tutti gli iniziatori di nuovi percorsi professionali di successo vengono oggi chiamati ‘visionari’, ma non erano o non sono certo persone e imprenditori con la testa tra le nuvole. O meglio, la testa e lo sguardo lo tengono ben in alto per guardarsi attorno, ma hanno concretezza e capacità di analisi.


Ecco ciò che può allontanare la paura.

Cambiamo i nomi e apriamo la mente a sfide e opportunità invece che a paure e blocchi:


✓Nuove opportunità

Investimento

✓Nuove competenze, nuove conoscenze

✓Investimento e crescita

Diversificazione, innovazione, rete


Nessuno va alla guerra senza sapere di avere un esercito più numeroso o mezzi più consistenti. L’imprenditore è un uomo che calcola –anche l’imprevisto, per quanto possibile– e poi rischia. Si chiama rischio d’impresa, nel modo più banale. E si chiama crescita, o semplicemente ‘impresa’, qualcosa che si intraprende, si inizia rispetto a qualcosa che non c’era o era differente. L’immobilismo è contrario all’impresa, alla crescita personale e professionale. E porta alla decadenza perché non rinnova e non innova.


Che ne pensi di questo articolo? Ti è piaciuto, fammelo sapere nei commenti.

P.S.: Approfitto per ricordarti che è in partenza la Nuova Master Class Amministratore Crescente, hai già dato un occhiata? Non Ancora? guarda subito qui


👇

>>>>>Informazioni Master Class Amminstratore Crescente


Ed in più NON dimenticare di scaricare gli strumenti per la crescita dell'amministratore di condominio disponibili questa settimana visitando la pagina delle risorse gratuite


👇

>>>>>>https://www.amministratorecrescente.net/risorse-gratuite


P.S.S.: E se non l'hai ancora fatto iscriviti al nostro gruppo Facebook per restare sempre aggiornato con le novità in tema di crescita professionale e personale per gli amministratori di Condominio.


iscriviti subito al gruppo Facebook Amministratore Crescente


👇

>>>>>https://www.facebook.com/groups/amministratorecrescente/






31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti